Acquisti on-line e in negozio: alcuni miti da sfatare


Se si vende online non basta investire (a caso) su app digitali e strumenti sofisticati pensati per chi acquista da smartphone (cioè tantissime persone).

Bisogna partire chiedendosi cosa il consumatore vuole davvero; una ricerca McKinsey ci dice che l’esperienza di shopping su smartphone dovrebbe basarsi su un principio molto semplice: fornire un’ esperienza di shopping veloce, facile, piacevole. Punto.

E sfata alcuni miti:

Mito # 1

Una app per smartphone è la risposta (invece, funzionalità d’effetto ma sostanzialmente inutili non servono a molto)

Mito # 2

La differenza la fanno le caratteristiche “cool” (meglio puntare a fare bene le funzionalità di base)

Mito # 3

Il consumatore guarda il prodotto in negozio, però poi lo compra on-line (invece nelle decisioni di acquisto continua a pesare molto l’esperienza vissuta in negozio)

Mito # 4

Digitalizzazione significa poter fare a meno di molti lavoratori (falso, serviranno meno lavoratori in alcune aree, ma i dipendenti si confermano una risorsa preziosa, ad esempio come assistenti di vendita).

L’articolo completo all’indirizzo: http://www.mckinsey.com/insights/consumer_and_retail/busting_mobile_shopping_myths